Il Fronte del Cielo - Emeroteca - L'Arena di Verona

 

 
   

1-2  ottobre Sedi di alti comandi austriaci sul Carso bombardate....
   
3-4 ottobre Incursioni di velivoli nemici
   
9-10 ottobre I velivoli austriaci lanciano qualche bomba ...
   
10-11 ottobre Una squadriglia di 14 velivoli italiani ...
     
13-14 ottobre Un Taube vola sopra il Re
     
21-22 ottobre Dal comunicato del Gen. Cadorna
     
22-23 ottobre Dal comunicato del Gen. Cadorna
     
26-27 ottobre Particolari dell'incursione dei velivoli austriaci su Venezia
     
27-28 ottobre Dal comunicato del Gen. Cadorna
     
28-29 ottobre

L'inaudita barbarie austriaca

     
29-30 ottobre Il Re e i Generali Cadorna e Porro a bordo ....
     
29-30 ottobre La responsabilitÓ enorme degli attacchi su Venezia
     
30-31 ottobre Dal comunicato del Gen. Cadorna
     
  Attenzione, le pagine di questa sezione contengono solo la stampa del 1915, cioŔ L'Arena, Il Corriere della Sera e La Lettura; per visitare le altre pagine mostrate in indice entrare dalla sezione "La Memoria" dal men¨ principale  


L'Arena - settembre 1915

L'Arena - novembre 1915

WWW.QUELLIDEL72.IT

L'ARENA 1-2 OTTOBRE 1915

SEDI DI ALTI COMANDI AUSTRIACI SUL CARSO BOMBARDATE DA UN NOSTRO AEROPLANO

Dal comunicato del Gen. Cadorna - 30 settembre: Un idroplano nemico lanci˛ due bombe su Porto Busso: Nessuna vittima e nessun danno. Un nostro velivolo bombard˛, pare con efficacia, alcune localitÓ sul Carso, indicate come sedi di alti comandi austriaci.

×

L'ARENA 3-4 OTTOBRE 1915

INCURSIONI DI VELIVOLI NEMICI

Qualche bomba nei dintorni della stazione di Cervignano. Dal comunicato del Gen. Cadorna - Un velivolo nemico lanci˛ ieri qualche bomba nei dintorni della stazione Cervignano, ferendo due cittadini. Altri due velivoli tentarono incursioni contro le nostre posizioni sul Carso, ma furono ricacciati dal fuoco dei nostri posti antiaerei

×

L'ARENA 9-10 OTTOBRE 1915

I VELIVOLI AUSTRIACI LANCIANO QUALCHE BOMBA SU ROCCHETTE IN VAL D'ASTICO, E SULLA STAZIONE DI CERVIGNANO

Dal comunicato del Gen. Cadorna: Velivoli austriaci lanciarono qualche bomba su Rocchette in Valle d'Astico, senza produrre danni e sulla stazione ferroviaria di Cervignano dove 3 soldati rimasero leggermente feriti

×

L'ARENA 10-11 OTTOBRE 1915

UNA SQUADRIGLIA DI 14 VELIVOLI ITALIANI BOMBARDA IMPORTANTI LOCALITA' NEMICHE

Dal comunicato del Gen. Cadorna - 9 ottobre: Una squadriglia di 14 nostri velivoli bombard˛ ieri la sede di un alto comando austriaco in Costanievica, e la stazione ferroviaria di Nabresina. Ad onta del tiro di numerosi antiaerei nemici, i velivoli rientrarono incolumi nelle linee. Un aeroplano austriaco lanci˛ freccie sopra un nostro accampamento e una bomba su Cormons (?). Nessun danno

×

L'ARENA 13-14 OTTOBRE 1915

UN TAUBE VOLA SOPRA IL RE

L'"Idea Nazionale" ha da Udine: In questi giorni il Re ha percorso instancabilmente il fronte orientale raggiungendo la sua residenza solo a tarda ora della notte. L'altra mattina il Re si trovava sul Carso presso una batteria della quale osservava il tiro. All'improvviso si udirono in aria degli scoppi di shrapnels che inseguivano un aeroplano nemico cercando di arrestarne il percorso, ma l'aeroplano filava velocissimo sfuggendo al bombardamento e proseguendo nella direzione della batteria presso cui era il Re. Gli ufficiali che l'attorniavano vedevano avvicinarsi il taube con qualche apprensione. Re Vittorio Emanuele li rassicur˛ con un sorriso e non si mosse seguendo imperturbato l'azione delle batterie. Il Taube pass˛ senza gettare alcuna bomba. Prontamente gli corsero incontro due aeroplani nostri sollevatisi all'allarme da un vicino campo di aviazione. Allora il Tube tent˛ di elevarsi anche pi¨ e di sfuggire, ma con abile manovra i velivoli italiani gli tagliarono il passo costringendolo a virare di bordo. Per˛ prima di rivarcare il fronte l'aeroplano nemico volle disfarsi del suo carico gettando le bombe che certo avevano altra destinazione una di queste and˛ a cadere presso un gruppo di case forse a duecento metri dal Re. Solo allora il Re si mosse ma per correre in aiuto delle presunte vittime. Dove la bomba era caduta si alzava una colonna di fuoco; era bruciata una stalla ma non vi fu alcun danno alle persone.

×

L'ARENA 21-22 OTTOBRE 1915

Dal comunicato del Gen. Cadorna - 20 ottobre:Ieri una squadriglia di nostri velivoli eseguý una nuova incursione sul campo nemico di aviazione di Aisovizza. Furono lanciate numerose bombe con risultati visibilmente ottimi, fatti segno al fuoco di numerose artiglierie dell'avversario, i velivoli rientrarono incolumi.

×

L'ARENA 22-23 OTTOBRE 1915

Dal comunicato del Gen. Cadorna - 21 ottobre: Ieri mattina con condizioni atmosferiche avverse con nebbia e forte vento, squadriglie di nostri velivoli eseguirono nuove ardite incursioni sul Carso . Furono bombardati il campo di aviazione di Aisovizza e colonne nemiche presso Birhula e Temnica, appostamenti di artiglieria nella zona di Doberd˛; la stazione di Duino e viadotti a nord di tale localitÓ. Sfuggendo ai tiri di numerose artiglierie contraere, i velivoli rientrarono incolumi.

×

L'ARENA 26-27 OTTOBRE 1915

I PARTICOLARI DELL'INCURSIONE DI VELIVOLI AUSTRIACI SU VENEZIA

Un ulteriore comunicato "Stefani" oltre quello da noi pubblicato ieri dice: Questa mattina (25) Venezia Ŕ stata fatta segno ad un nuovo attacco da parte del nemico. Alle 8,40 tre aeroplani austriaci hanno lanciato parechie bombe che hanno ferito leggermente tre persone ed hanno arrecato lievissimi danni materiali. La magnifica calma dei veneziani. Fu una sorpresa generale per tutti indistintamente i buoni veneziani. Era giÓ trascorso tanto tempo dall'ultima incursione che ogni buon cittadino si era abituato si alla guerra ma ad una guerra letta sui giornali. Quand˛ tuon˛ il primo colpo di cannone e la loro eco si propag˛ a scuotere i pi¨ tranquilli deserti della laguna, i veneziani si guardarono in faccia. Che giuoco Ŕ questo? pare si chiedessero a vicenda. E tanto era lontano il pensiero di una incursione nemic, che i pi¨ tranquillamente sentenziarono dovesse significare quel colpo una prova dei nuovi cannoi antiaerei. Ma presto la musica assurse ad un crescendo portentoso, superbo, e tutti certo non in omaggio alle prescrizioni militari che vietano di soffermarsi nelle vie durante gli attacchi aerei, si precipitarono all'aperto per assistere quanto meglio era possibile al duello accanito. La serata chiara si prestava comodamente atutti, ai visitatori, ai nostri artiglieri, alla folla dei curiosi avidi di emozioni ed ebbri di sentimenti patriottici. I caffŔ, gli esercizi pubblici si svuotarono d'incanto di tutto l'elemento maschile. Non vi restarono che le signore e le donne del popolo, ma anch'esse a malincuore per obbedire ai rispettivi mariti. NŔ soltanto a San Marco la folla assistette allo spettacolo aggressivo. Ieri, fin dal mattino, Venezia era insolitamente animata. ...

×

L'ARENA 26-27 OTTOBRE 1915

I PARTICOLARI DELL'INCURSIONE DI VELIVOLI AUSTRIACI SU VENEZIA

Dal comunicato del Gen. Cadorna - 25 ottobre: Nella giornata del 24 nostri velivoli bombardarono con efficacia accampamenti nemici sull'altopiano di Bainsizza e del Carso. Un aviatore nemico fu assalito da un nostro aeroplano con fuoco di mitragliatrice e messo in fuga. Tutti i nostri velivoli ritornarono incolumi nelle linee

×

L'ARENA 28-29 OTTOBRE 1915

L'INAUDITA BARBARIE AUSTRIACA - IL SACRILEGO SFREGIO A VENEZIA

La rovina di un capolavoro.

×

L'ARENA 29-30 OTTOBRE 1915

IL RE E I GENERALI CADORNA E PORRO

A bordo di un aeroplano ispezionano le posizioni del Basso Isonzo. Dalla "Gazzetta del Popolo". Anche il Re nei giorni della grande azione che si stÓ svolgento lungo tutta la fronte ha osservato la battaglia dall'alto di un aeroplano, percorrendo tutta la linea dell'Isonzo. Il corrispondente al campo del giornale francese era riuscito a ritrarre il Re durcolle seguenti parole: "Il Re ha volato lungo tutta la linea dell'Isonzo, sopra un apparecchio pilotato dal colonnello Barbieri; egli si Ŕ allontanato assai dalla linea delle truppe, per poter vedere la cittÓ di Trieste, che sulla sponda adriatica attende l'ora della liberazione". Invece l'"Illustration" riproduce la fotografia di Cadorna e Porro in aeroplano che ispezionano le posizioni del basso Isonzo

×

L'ARENA 29-30 OTTOBRE 1915

LA RESPONSABILITA' ENORME DEGLI ATTACCHI SU VENEZIA

×

L'ARENA 30-31 OTTOBRE 1915

Dal comunicato del Gen. Cadorna - 30 ottobre: Nostri velivoli eseguirono ieri incursioni sugli altopiani di Bainsizza e del Carso: furono bombardate in vari punti la ferrovia di Trieste e colpite accampamenti e colonne nemiche in marcia. Nonostante il vivissimo fuoco di numerose artiglierie antiaeree i velivoli rientrarono incolumi

×